I non vedenti toccano l’arte

I non vedenti toccano l’arte

Come fare in modo che anche un non vedente possa godere della magia di un quadro di Caravaggio o di Leonardo? Sicuramente non si tratta di una questione semplice, perché, oltre alla complessità della tecnica, c’è quella interpretativa.

La soluzione messa a punto dal team del museo del Prado di Madrid in collaborazione con l’Organización nacional ciegos españoles, un’agenzia governativa che si occupa di iniziative per i ciechi, forse potrebbe essere quella vincente.

Si è pensato infatti ad un sistema che integra la riproduzione dei quadri stampati 3D in maniera tale da non perdere la minuziosità dei dettagli presenti nelle tele originali, al racconto di quanto si sta vedendo che avviene sia tramite la presenza di didascalie in Braille, che grazie ad un’audioguida che ha la funzione di stimolare i sensi spiegando le sfumature che non si possono raggiungere le dita.
Il tatto infatti è un senso diacono, che consente di appropriarsi di uno spazio limitatissimo e di dover quindi ricostruire attraverso il tempo una immagine globale come si fa con il puzzle, ma dovendo memorizzare le tessere una per volta (per ulteriori approfondimenti rimandiamo all’intervista a Monica Carfagni, docente al Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università degli Studi di Firenze.

Non è sicuramente la prima volta che si fanno esperimenti in questo senso, ma la novità, rispetto ai tentativi precedenti, come quello proposto dal Kunsthistoriches, il museo delle belle arti di Vienna, è quella di mantenere uno spessore massimo di 6 millimetri nelle riproduzioni agevolando il percorso di ricostruzione mentale del dipinto.

La mostra, Hoy toca el Prado (“oggi tocca il Prado”) al momento conta sulla presenza di 6 quadri tra i più famosi della collezione del museo spagnolo e resterà aperta fino al 28 giugno.
Sicuramente una buona occasione, non solo per i non vedenti, per riscoprire questi capolavori e riviverli in un modo completamente nuovo.

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*