Google Glass: un altro sguardo sul mondo

Google Glass: un altro sguardo sul mondo

E’ ormai noto che la tecnologia rende più semplice la vita di tutti i giorni, ma quando è messa al servizio della disabilità diviene un fondamentale ausilio per compiere azioni quotidiane. Un esempio che ha già dato i suoi frutti in questo senso sono i Google Glass, attraverso i quali il colosso di Mountain View migliorerà la vita di chi è affetto da handicap.

L’utilità di questa tecnologia risiede nel recepire informazioni, geolocalizzate, provenienti dall’ambiente esterno, restituendo all’utente che li indossa un dato arricchito.
Gli occhiali in particolare consentono di spiegare la realtà su cui poggia lo sguardo dell’utente per effettuare ricerche, scattare foto e condividere informazioni impartendo dei semplici comandi vocali.
Il programma di sperimentazione di Google “The Glass explorer”, che ha permesso di testare il dispositivo, ha conseguito risultati apprezzabili. Attraverso apposite applicazioni infatti, i Google Glass aiutano disabili e non udenti a superare alcune barriere.

Il dispositivo risulta essere molto utile per gli ipovedenti per esempio, poiché permette loro di immaginare una realtà che non riescono a vedere.

Il riconoscimento facciale consente invece di riconoscere volti, in modo che non vedenti o ipovedenti possano individuare le persone, oltre a decodificare le espressioni facciali. Si attendono inoltre dei risvolti controversi per quest’ultima applicazione poiché osteggiata dai difensori della privacy.

Si tratta comunque di un importante strumento per aggirare gli ostacoli che si presentano tutti i giorni a chi è affetto da questo genere di disabilità.
Già “Talking Goggles”, l’app per smartphone che riconosce all’istante gli oggetti e li descrive, mette in condizione di leggere scritte e identificare oggetti, gli autobus per esempio: linea, numero, direzione e numero di fermate.
App e device che forniscono canali di accesso ad una realtà “aumentata”, permettendo a tutti di partecipare in autonomia #digitalmenteabili

Credit image: www.sordionline.com

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*