Facebook studia l’accessibilità

Facebook studia l’accessibilità

Per gli utenti affetti da disabilità utilizzare i social network non è un’operazione semplice.
Per questo motivo Facebook ha creato un Accessibility Team, cioè un gruppo specializzato che si occupa di rendere accessibile la community a tutti.

Facebook si è infatti dotato di una stanza particolare, composta da diversi tipi di postazioni, nelle quali ogni membro del team si mette nei panni di un utente affetto da diversi tipi di disabilità al fine di rendere più semplice l’interazione.

Le postazioni? Simulano le situazioni tipiche che affronta chi è affetto da disabilità: sono dunque caratterizzate dalla mancanza di output sonori e visivi per esempio, al fine si analizzare i problemi che si trovano ad affrontare gli utenti diversamente abili e studiare soluzioni che escludano meno utenti possibili. Così per esempio un utente non vedente può utilizzare il programma Apple Voiceover, che restituisce una descrizione sonora di ciò che passa nello schermo, avviando un percorso lungo e da perfezionare.

Per avere informazioni e dettagli sull’accessibilità di Facebook basta visitare la pagina del centro assistenza, che descrive approfonditamente come rendere fruibile il social network da parte di utenti diversamente abili.

Un piccolo passo verso l’inclusione, che innesca un percorso lungo, ma con un grande margine di miglioramento.

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*