Fabia e il percorso verso una nuova mano, stampata in 3D

Fabia e il percorso verso una nuova mano, stampata in 3D

Una ragazza focomelica all’avambraccio destro tra poco potrà avere una nuova mano stampata in 3D, si tratta di Fabia Timaco.
Ventunenne, veneta ed editor per Che Futuro!, Fabia ha raccontato la sua storia nel blog che riporta i migliori casi di chi si occupa di innovazione in Italia, con un’attenzione particolare al mondo delle tecnologie digitali.
Fabia si è fatta portavoce della sua storia, e di una concezione della tecnologia quale aiuto alle persone a cambiare la propria vita, dalle potenzialità altissime.
Da tempo inoltre la giovane ha intrapreso un percorso per combattere la sua malattia, che la condurrà ad avere una nuova mano costruita mediante l’ausilio della tecnologia 3D.

Una mano stampata in 3D
La mano di Fabia sarà creata su misura grazie all’aiuto di un’azienda no profit, italiana: Open BioMediacal Initiative, autrice del progetto FABLE.
Un progetto ricco di difficoltà visto che la nuova mano dovrà essere personalizzata ed adattata alla persona che ne farà uso. Per creare l’arto sarà necessario misurare la forma e la dimensione della mano e si renderanno necessarie le prove del segnale mioelettrico, che determineranno il movimento futuro della mano. Tutti test ai quali Fabia si sta sottoponendo mostrando grande impegno e volontà.Si tratta però di piacevoli sforzi.
La sua vita infatti cambierà radicalmente dal momento in cui avrà la possibilità di utilizzare entrambe le mani per compiere tutte quelle azioni quotidiane che attualmente è costretta a svolgere faticosamente con un solo arto.
Fabia tiene spesso a sottolineare che l’Italia non è quel Paese arretrato tecnologicamente che si vuol far credere, poiché sono tante le eccellenze e le persone con competenze uniche presenti, pronte ad offrire un numero infinito di possibilità che influirebbero positivamente sulla vita delle persone affette da disabilità.
Noi concordiamo con lei e le facciamo un grande in bocca al lupo.

 

Photo Credit: www.chefuturo.it

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*