Aspire, il pacemaker cerebrale contro l’epilessia

Aspire, il pacemaker cerebrale contro l’epilessia

Una vera svolta nella lotta all’epilessia farmacoresistente: Aspire è un pacemaker cerebrale in grado di bloccare le crisi epilettiche prima che si manifestino in modo violento, grazie alla capacità di riconoscere in tempo la crisi attraverso l’analisi dell’elettrocardiogramma incorporato.
In questo modo il pacemaker si attiva prontamente facendo partire stimoli in grado di fermare la crisi sul nascere.

Una notizia sicuramente importante, che segna un rilevante passo della medicina nei confronti della lotta alla malattia.
Il primo intervento chirurgico di questo tipo in Italia è stato eseguito presso l’ospedale Molinette di Torino, nel reparto dineurochirurgia diretto dal professor Alessandro Ducati, su una bambina milanese di quattro anni.

Il dispositivo permette di modificare la reattività delle cellule nervose nelle zone del cervello colpite da epilessia mediante la costante stimolazione del nervo vago.
Questa tipologia di pacemaker cerebrale sarà usato in particolare nei bambini, dai medici viene considerata una vera rivoluzione nella lotta all’epilessia farmacoresistente (epilessia che non risponde ad una terapia farmacologica) che attualmente coinvolge circa il 30% di coloro che soffrono di questi disturbi.
Tale tipo di resistenza ai farmaci ha cause non sempre chiare e molto individuali, in questo senso la medicina sta aspettando risposte più precise dagli studi sulla genetica.
Oggi, grazie all’evoluzione della tecnologia applicata alla medicina, si potrà aprire un varco a chi è affetto da questa tipologia di malattie, affinché possano vivere una vita qualitativamente migliore.

Photo credit: closeupengineering.it

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*